FASTANDFIT: CORSA & BENESSERE
DANIELE BIFFI  
  FASTANDFIT
  CONTATTO
  OFFERTE e PREZZI
  MENTAL COACHING
  PSICOLOGIA DELLO SPORT
  DIVENTA MENTAL COACH
  MARATONA E DINTORNI
  MEZZOFONDO
  SPRINT E VELOCITA´
  => COME ALLENARSI COL TRAINO PER CORRERE VELOCE I 100 M; 200 M e 400 M
  => L´IMPORTANZA DELL USO DELLE BRACCIA NELLO PRINT
  => L´IMPORTANZA DEI PIEDI NELLA CORSA; DALLO SPRINT AL MEZZOFONDO
  => COME CORRERE I 400 MT INDOOR?
  => TECNICA E VELOCITA: LA POTENZA E´ NULLA SENZA CONTROLLO
  => COME CORRERE E QUALE TATTICA PER I 400 M?
  => ALLENARSI CON LA CORDA PER CORRERE VELOCE
  => ESERCIZI CON GLI OSTACOLI PER CORRERE VELOCE
  => COME CORRERE E QUALE TATTICA PER I 200 M?
  => I 60 MT INDOOR: COME CORRERLI E COME PREPARARSI?
  => QUALI STRATEGIE ADOTTARE E COME CORRERE I 200 MT INDOOR?
  => TECNICA E VELOCITA´: LA POTENZA E´NULLA SENZA CONTROLLO
  => ALLENAMENTO TEST PER I 400MT IN ATLETICA LEGGERA
  => RINFORZARE IL BACINO PER CORRERE VELOCE
  => LE SALITE NELLO SPRINT
  => SECONDO ALLENAMENTO-TEST PER I 400 MT:IL 2X300M
  => QUANTO VELOCE DEVO ESSERE PER CORRERE I 400 M IN 43"..?
  => LE FASI DEI 100M: IL DRIVE
  => LE FASI DEI 100M e LA FASE FLY
  => 3 CONSIGLI PER RECUPERARE GLI ALLENAMENTI
  => LA RESPIRAZIONE NELLO SPRINT
  => LE FASI DELLA PREPARAZIONE NELLO SPRINT
  => I TEMPO RUN NELLO SPRINT PER CORRERE VELOCE
  => MICHAEL JOHNSON O WAYDE VAN NIEKERK?
  ALLENARE LA FORZA
  ALIMENTAZIONE
  RICETTE VEGAN
  COMMENTI VISITATORI
  FORUM
  FOTO
  CHI SONO IO
  ULTIMORA
  YOUTUBE
  FACEBOOK
  NEWS
  13 effektive Tipps um Gewicht zu reduzieren
  Titel der neuen Seite
COME CORRERE E QUALE TATTICA PER I 200 M?

biffi berlino 300 2

Per correre bene i 200 m Outdoor e´ assolutamente fondamentale saper distribuire le forze e le energie. Se partire forte e´si necessario dobbiam capire che correre 200 m sempre al 100% delle potenzialita´ e´ controproducente oltre che impossibile sopratutto per Atleti non professionisti e Master. 

Ti dico subito che, come in praticamente tutte le discipline di corsa, non esiste una tattica valida per tutti perche´ ognuno deve comunque trovare la sua e comunque adeguarla sempre alle condizioni atmosferiche ( vento, pioggia, umidita´, temperatura etc.) oltre che sopratutto al suo stato di forma. Qui di seguito la mia intenzione e´ quella di darti qualche consiglio che spero ti sia utile e soprautto (sempre che tu non lo abbia gia´ fatto) farti iniziare a pensare a come potresti dosare le tue energie e correre i tuoi 200 m in modo da ottenere il massimo della prestazione.

I 200 sono assolutamente una gara di velocita´ pura, quindi e´ chiaro che quando parlo di distribuire bene parlo comunque di variazioni abbastanza minime di intensita´ ma che sono importanti per ottenere una prestazione ottimale.

Quindi come posso distribuire al meglio le mie energie in un 200 m? Cominciamo con la partenza ed il drive che deve essere massimale, devi partire esattamente come se partissi per un 100 m o ancor meglio per un 60 m. Posiziona bene il blocco, all´esterno trasversalmente in modo da ottimizzare la tangente che porta alla linea. Quindi parti forte, l´obiettivo e´ quello di raggiungere il piu´ velocemente possibile la velocita´ massima di crociera.

Attenzione non intendo la velocita´ massima che puoi si e no tenere per un 20 o 30 m ma la tua velocita´ massima di crociera che puoi tenere per un 200 m che per un Atleta non professionista e´ intorno 5-10% piu´ lenta della velocita´massimale. Se parliamo di Atleti professionisti le differenze si miimizzano ed arriviamo a differenze quasi impercettibili intorno all´1-3%.

Quindi diciamo che se sui 30 m Fly corri un 3"00 , quindi 1" ogni 10 m la tua velocita´ di crociera potrebbe essere intorno a 1",05. Potremmo quindi ora cercare di calcolare la tua possibile prestazione: 1"05 x170m= 17.85 + 4"20 sui 30 m iniziali + 0,15 di reazione potremmo ottenere un 22"20. Diciamo che possiamo ottenere una indicazione approssimativa si ma abbastanza realistica di quello che si puo´ valere. Le variabili rimangono comunque tante e non voglio comuque spacciare questi calcoli come un test preciso ma assolutemente utile per capire le proprie potenzialita´.

Detto questo quindi partire forte, raggiungere la velocita´di crociera. Fondamentale e´ correre rilassati in modo da conservare energie che ci serviranno nel finale e comunque se vuoi correre veloce devi correre rilassato.

Raggiunti i 40>60 m avrai raggiunto la tua velocita´ di crociera che devi ora cercare di mantenere senza pero´ spingere ulteriormente. Una sorta di pausa di un 40>80 m (detto Flowing e la cui lunghezza dipende dalle tue caratteristiche), in cui rimani veloce si, spingi abbastanza per mantenere la velocita´ ma nulla di piu´ in modo da risparmiare energie preziose con le quali riuscirai a spingere poi sino alla linea d´arrivo.

Una volta entrato nel rettilineo finale cerca di impostarti bene, devi assettarti, stare alto ed ora e´ arrivato il momento di spingere per davvero sino all´arrivo.

Molti allenatori parlano di un 50+100+50, ovvero 50 m spinta + 50m flowing + 50 m di spinta. Sono anche d´accordo anche se la fase di flowing di 100 m e´ spesso troppo lunga ma devi provare tu stesso csa possa esser meglio per te, magari parlandone col tuo allenatore.

Detto questo non mi resta che augurarti buona gara sui tuoi prossimi 200 m!  :D 

 

COME CORRERE I 200 M ? - SPRINT TRAINING - ALLENAMENTO E VELOCITA´ CON DANIELE BIFFI  

 

 

Daniele Biffi - Mental Coach & Personal Trainer

 
runfast@fastandfit.de

fastandfit.de 


runfast@fastandfit.info  
 
 
Heute waren schon 4 visitatori (77 hits) hier!