FASTANDFIT: CORSA & BENESSERE
DANIELE BIFFI  
  FASTANDFIT
  CONTATTO
  OFFERTE e PREZZI
  MENTAL COACHING
  PSICOLOGIA DELLO SPORT
  => Il Record del mondo Indoor era un nostro obiettivo
  => Si impara sempre dall'esperienza, importante è mettersi in gioco
  => Daniele Biffi, 400m: Il Record del mondo Indoor era un nostro obiettivo
  => PSICOLOGIA: Daniele Biffi, velocista: sono più forte del vento mi dico e dico sempre
  => La forte determinazione e la resilienza del runner Mimmo Ricatti
  => Il Trail è per me amore incondizionato, il mio posto è tra le montagne – di Matteo SIMONE
  => Lisa: Il Tor des Geants, è l’esperienza più bella che abbia mai sperimentato
  => IL FENOMENO “DOPING” - CENNI STORICI
  => DOPING: DEFINIZIONI, CONTROLLI E LEGISLAZIONE
  => STEROIDI ANABOLIZZANTI: MOTIVAZIONI E GIUSTIFICAZIONI RIFERITE
  => MOTIVAZIONE ESTETICA ALL’USO DI SOSTANZE DOPANTI
  => GOAL SETTING: OBIETTIVI DI PERFORMANCE 2
  => DOPING: Il passaporto biologico WADA
  => ATTIVITA´FISICA PER IL BENESSERE PSICO-FISICO
  => GOAL SETTING: OBIETTIVI DI PERFORMANCE
  => VISUALIZZAZIONI ED ALLENAMENTO IDEOMOTORIO
  => SPORT E PIANTO
  => ARTE E PSICOLOGIA IN AIUTO ALLO SPORT
  => ATLETI: PAURA, ANSIA, FOBIA Che fare?
  => INTERVENTO PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI ATLETI
  => PSICOLOGIA: LA COMUNICAZIONE EFFICACE PER GUADAGNARE IN SALUTE
  => ATLETICA & PSICOLOGIA: COSA SPINGE UNA PERSONA A RAGGIUNGERE I RECORD
  => PSICOEDUCAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE CON L´ATTIVITA´ FISICA. SAPARE E SAPER FARE PER STAR MEGLIO
  => PSICOLOGIA: Insoddisfazione corporea: condotte alimentari e attività fisica
  => ATLETICA E PSICOLOGIA: METAFORE E PARADOSSI
  => BENESSERE FISICO, PSICOLOGICO, SOCIALE IN AMBIENTE LAVORATIVO
  => ATTIVITA´FISICA PER IL BENESSERE FISICO , PSICOLOGICO E SOCIALE
  => PSICOTERAPIA DELLA GESTALT APPLICATA ALLO SPORT
  => CONSAPEVOLEZZA, SAPER ASCOLTARE, EMOZIONE, RESPONSABILITA’
  => LA COMUNICAZIONE EFFICACE PER GUADAGNARE IN SALUTE
  => COSA SPINGE UNA PERSONA A RAGGIUNGERE I RECORD
  => PSICOLOGIA: NON FARTI STENDERE DALL´ALCOOL
  => EMERGENZA POST TRAUMATICA L’IMPORTANZA DEL SUPPORTO PSICOLOGICO
  => ATLETICA & PSICOLOGIA: USAIN BOLT ATLETA
  => L’ASSUNZIONE DI SOSTANZE DOPANTI
  => Psicologia dello Sport e non solo: il segreto per mantenersi in salute
  => Marinella Satta: Maratona di Roma palleggiando con due palloni basket
  => LOTTA AL DOPING: IL PASSAPORTO BIOLOGICO
  => Il doping è diventata una piaga sociale che ogni anno fa vittime illustri
  => Essere determinato e paziente nel raggiungere gli obiettivi
  => Se c’è motivazione puoi portare a termine qualsiasi impresa
  => Juan Pablo Savonitti, ultrarunner: da quel momento è diventata una droga
  => Parigi e la Brusamento vincono il Campionato Italiano 24h di corsa su strada
  => Achilles International, atleti con disabilità visive e guide: “together is better”
  => Mimmo Ricatti, atletica: ho avuto la fortuna di fare del mio sport un lavoro
  => Roldano Marzorati, ultrarunner: C'è futuro per l'ultramaratona!
  => Sonia Lutterotti, bronzo 24h: E’ sempre la mente a comandare il fisico
  => Il percorso per raggiungere obiettivi può richiedere sacrifici enormi
  => Sonia e Roldano, ultrarunner: 391km in due ai campionati italiani di 24h
  => Gianni Giansante, runner: Lo sport per me è una sana palestra di vita
  => Cosa spinge un gruppo di persone a incontrarsi per allenarsi
  => Matteo Nocera, ultrarunner, vincitore all’esordio della sua prima 6 ore
  => 26 Aprile No Elevator Day: Un giorno senza ascensore è possibile
  => Matteo Nocera, ultrarunner: Vinco ancora e questa volta sono 76km
  => Stefano Velatta vince la 6 ore Coratina: Io alleno anche la testa
  => Affinare la capacità di arrivare a un obiettivo senza mollarlo
  => Lo sport di endurance aiuta a sviluppare la resilienza
  => Stefano Velatta, 100km Alpi: Ne esco sicuramente più forte di prima
  => E’ sempre il momento per iniziare, non aspettare il momento migliore- Matteo Simone
  => Elisa Tempestini: Non ho mai mollato sono 25 anni che faccio sport
  => Marco Testero: in gara devi dare fondo a tutte le tue energie fisiche e mentali
  => Matteo Simone, psicologo e ultramaratoneta, racconta il suo stage in Kenya
  => Lo sport rende felici, ti libera la mente da tensioni e problemieite
  => Lunedì 19 febbraio 2018 conferenza stampa Half Marathon di Pietro Mennea Matteo SIMONE
  => La Pietro Mennea Half Marathon il 25 febbraio 2018
  => La valutazione funzionale per il mezzofondo è utile? Spunti pratici- di Matteo SIMONE
  DIVENTA MENTAL COACH
  MARATONA E DINTORNI
  MEZZOFONDO
  SPRINT E VELOCITA´
  ALLENARE LA FORZA
  ALIMENTAZIONE
  RICETTE VEGAN
  COMMENTI VISITATORI
  FORUM
  FOTO
  CHI SONO IO
  ULTIMORA
  YOUTUBE
  FACEBOOK
  NEWS
  13 effektive Tipps um Gewicht zu reduzieren
  Titel der neuen Seite
PSICOLOGIA: Insoddisfazione corporea: condotte alimentari e attività fisica

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

 

Durante la pubertà, la forma del corpo cambia, con le adolescenti che sviluppano i fianchi e gli adolescenti maschi le spalle. Dopo lo scatto di crescita puberale, gli adolescenti maschi sono più alti e più pesanti delle loro controparti femmine ed hanno anche forza e muscolatura più grande.

Le ricerche sullo sviluppo normale degli adolescenti indicano che le donne sperimentano più insoddisfazione corporea degli uomini. Mentre le adolescenti sperimentano una diminuzione dei sentimenti di attrazione, gli adolescenti maschi sperimentano un miglioramento dell’umore e dell’immagine corporea e un aumento di soddisfazione del loro peso. Questa scoperta non è sorprendente, dato che i cambiamenti fisici della pubertà spesso portano adolescenti maschi più vicini all’ideale di corpo maschile mentre distanziano le adolescenti dallo standard socioculturale magro di bellezza per le donne.

 

Alti tassi di insoddisfazione corporea e comportamenti di diete sono stati ben documentati tra giovani adolescenti. I ragazzi non sono esenti da queste preoccupazioni, uno studio dei ragazzi Britannici di 9-10 anni riscontrò che il 41% delle ragazze preferivano una forma del corpo più magra mentre il 41% dei ragazzi preferivano una forma più larga.

La prevalenza dell’insoddisfazione corporea tra tutti i ragazzi era emersa, una metà dei ragazzi volevano pesare di meno e oltre un terzo desiderava una forma del corpo più magra. Studi hanno correlato l’insoddisfazione corporea a sintomatologie depressive tra i ragazzi e gli adolescenti. Questi dati indicano che i fattori di rischio per i disturbi alimentari e la depressione, specialmente l’insoddisfazione corporea, possono essere acquisiti presto nell’infanzia.

 

Sebbene gli uomini generalmente sono più soddisfatti con i loro corpi delle donne, essi non sono immuni dalle preoccupazioni circa l’immagine corporea. Approssimativamente il 95% degli uomini in età da college intervistati da Mishkind e al. espressero insoddisfazione con alcuni aspetti dei loro corpi. Uno studio ha dimostrato che le immagini dei mass media dell’ideale di bellezza femminile ha un effetto immediato sugli stati d’umore delle donne. Le donne si sentono arrabbiate e hanno un umore depresso più grande dopo aver visto le immagine dell’ideale magro. Questo cambiamento era osservato in seguito a sole 20 di tali immagini; ci sono molte più immagini in una singola pubblicazione di ogni numero di riviste moderne per donne. Questo studio sostiene le precedenti conclusioni che suggeriscono che queste immagini hanno un effetto nocivo sulle donne e possono giocare un ruolo negli episodi di disordine alimentare in risposta agli stati d’umore negativi.#

Tra i culturisti più di altri atleti il disturbo dell’immagine del corpo “disordine dismorfico del corpo” (BDD) è stato riscontrato più di frequente. Il disordine è caratterizzato da un’eccessiva preoccupazione con una non esistente o leggero difetto nell’aspetto del corpo, di solito riguardante una particolare parte del corpo come il viso, la pelle, o il naso.

 

In base ai risultati di diversi studi riguardanti interviste con culturisti uomini e donne, Pope e al. identificarono la dismorfia muscolosa come una forma di BDD caratterizzata da preoccupazione patologica con il grado di muscolosità. La caratteristica essenziale della dismorfia muscolare è una preoccupazione cronica con il non essere sufficientemente muscolosi. I ricercatori anche riscontrarono che l’uso di steroidi anabolizzanti era comune tra i culturisti esibenti le caratteristiche della dismorfia muscolare, particolarmente uomini.

Uno studio di Blouin e Goldfield comparò l’immagine del corpo e l’uso di steroidi tra maschi culturisti, podisti, e praticanti del tae kwon do. I ricercatori riscontrarono che i culturisti erano significativamente  più propensi di altri atleti a riportare un insoddisfazione del corpo. L’uso di steroidi era più frequente tra i culturisti competitivi che tra quelli che lo facevano a fini ricreativi. Lo studio concluse che i culturisti maschi, particolarmente culturisti competitivi, possono essere a rischio per “sviluppo di pratiche comportamentali di alto rischio con un apparente scopo di modificare il loro corpo a causa di aspettative sociali e personali”.

 

Hilde Bruch (1962) è ritenuto essere il primo a riconoscere le esperienze disfunzionali di immagine del corpo come una caratteristica centrale dei disordini alimentari, particolarmente l’anoressia nervosa. Tra i criteri diagnostici per l’anoressia nervosa nella 4^ ed. del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disordini Mentali (DSM-IV; American Psychiatric Association, 1994) sono “una paura intensa di aumentare peso o diventare grassi” e “disturbo nel modo nel quale il peso e la forma del proprio corpo è sperimentata, eccessiva influenza dell’autovalutazione del peso e forma del corpo”. Decine di indagini hanno rivelato associazioni tra disturbi dell’immagine del corpo e problematiche di comportamenti e attitudini alimentari. Come Bruch (1962) all’inizio sostenne, il miglioramento dell’immagine distorta è necessario per l’effettivo trattamento dei disordini alimentari.

 

Come è il caso riguardante le ricerche sull’associazione tra l’ideale del corpo magro e i disordini alimentari tra le donne, l’ideale del maschio muscoloso nei mass media può essere visto come un fattore di rischio socioculturale per l’insoddisfazione del corpo e i comportamenti dannosi di controllo del peso tra gli adolescenti maschi. Alcuni gruppi di adolescenti maschi, come i culturisti e i calciatori, possono essere particolarmente a rischio.

 

Olivardia e al. condussero il primo studio controllato sulla dismorfia muscolare. Intervistarono 24 uomini con dismorfia muscolare e 30 lottatori normali reclutati nelle palestre di Boston e trovarono che i primi differivano fortemente dal gruppo di controllo in molte misure, incluse l’insoddisfazione corporea e la prevalenza dell’uso di steroidi anabolizzanti.

Tra i 24 uomini con dismorfia muscolare, dodici (50%) riportarono che passavano più di 3 ore al giorno pensando alla loro muscolosità. Quattordici (58%) riportarono “moderato” o “severo” evitamento di attività, posti, e persone a causa del loro difetto di percezione del corpo. Tredici (54%) riportarono “poco” o “nessun” controllo sui loro regimi compulsivi di dieta e di sollevamento pesi.

 

Undici (46%) dei 24 uomini con dismorfia muscolare ma solo due (7%) degli uomini normali a confronto riportarono di usare steroidi – una differenza significativa.

Le domande relative all’immagine del corpo e al comportamento circa l’attività fisica permisero di rilevare alcune differenze drammatiche tra il gruppo con dismorfia muscolare e quello normale di controllo. Specificatamente, alla domanda “Mi piace realmente il mio corpo”, 12 (52%) dei soggetti con dismorfia muscolare rispetto a sei (20%) dei soggetti normali di controllo risposero “non sono d’accordo”. Delle cinque opzioni in risposta a “quanto sei insoddisfatto per come è sproporzionato il tuo corpo?”, 11 (46%) dei soggetti con dismorfia muscolare rispetto a tre (10%) dei soggetti di controllo risposero “totalmente” o “per lo più” insoddisfatto. Simili risposte furono osservate per le domande “quanto grasso ti senti?” e “quanto a disagio ti sentiresti se non puoi fare attività fisica per un fine settimana?”.


Dott. Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

Via Veio 52/B Roma c/o Psico&Art

www.psicologiadellosport.net

http://store.aracneeditrice.com/it/libro_new.php?id=5472
runfast@fastandfit.info  
 
 
Heute waren schon 1 visitatori (21 hits) hier!